Fibrosi cistica

La fibrosi cistica è considerata una delle malattie ereditarie più diffuse al mondo. In effetti essa si manifesta in condizioni specifiche, laddove vi sia l’assenza di una specifica proteina che incide negativamente sull’organismo dato che determina la mancata limitazione di cloruro. La fibrosi cistica contribuisce al danneggiamento di alcuni organi e tessuti, dato che tra i suoi effetti c’è quello destabilizzante di alterare le secrezioni di alcuni di essi.

A tal proposito quelli che subiscono maggiori danni sono i bronchi e i polmoni. All’interno di questi organi il muco ristagna generando infezioni e ripetute infiammazioni. A lungo andare esse possono portare ad un insufficienza respiratoria che può provocare nei casi più gravi la morte cardiaca.

Ma non finiscono qui gli effetti destabilizzanti della fibrosi la quale inciderà anche sulle attività del pancreas che sotto pressione non svolgerà più le sue azioni e cioè quelle relative al riversamento nell’intestino degli enzimi. In questo modo sarà molto difficile digerire il cibo assunto tra malassorbimento, ritardo nella crescita per non parlare di uno scadente stato nutrizionale che interesserà il suo provato organismo.

Il progredire della malattia porta con l’età ad una forma grave di diabete. Senza dimenticare che la fibrosi cistica si manifesta su altri organi come il fegato, le cavità nasali ma anche i dotti deferenti. Questa malattia è dovuta ad un’alterazione genetica, ragion per cui chi nasce malato ha ereditato un gene dai propri genitori che sono quindi portatori del gene CFTR mutato.

Secondo alcuni studi specialistici una coppia di portatori sani ha una probabilità su quattro di avere un figlio malato. Attualmente le cure relative alla fibrosi cistica sono finalizzate alla prevenzione delle complicanze.

In generale i protocolli terapeutici in vigore prevedono antibiotici per le infezioni polmonari, aerosol di antibiotici e farmaci fluidificanti le secrezioni, mentre si parla di trapianto polmonare in quei pazienti con insufficienza respiratoria irreversibile.

Fonte: https://www.mnews.it/benessere-salute

Valuta questo post
David

Add your Biographical Info and they will appear here.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *