Prurito da stress: come si manifesta

Il prurito da stress non è altro che il risultato di una forma di dermatite: proprio per questo motivo i sintomi che lo caratterizzano sono in tutto e per tutto paragonabili ai sintomi degli altri tipi di dermatite. Il prurito è accompagnato, quindi, dalla comparsa di macchie e di ponfi, con la pelle che è infiammata in modo evidente, come dimostrano i suoi arrossamenti. In effetti il prurito da stress è il risultato di una somatizzazione di un momento di crisi o di un periodo difficoltà che si palesa a livello epidermico: esso può interessare diverse zone del corpo, tra cui i piedi, le mani, il cuoio capelluto, le braccia, il collo e la faccia.

Occorre essere in grado di distinguere il prurito da stress rispetto all’eczema da contatto o all’eczema allergico. Per altro, lo stress in svariate circostanze è anche in grado di cagionare una forma di acne vera e propria, simile a quella che interessa gli adolescenti. Il corpo umano, in sostanza, nel momento in cui ci si trova a far fronte a situazioni che provocano un disagio emotivo fa suonare, attraverso il prurito da stress, un campanello di allarme: è come se tramite la pelle venisse lanciato un SOS. Proprio per questa ragione non è sufficiente curare i sintomi, ma è indispensabile far venire meno le cause dello stress: altrimenti il prurito e le infiammazioni si presenteranno di nuovo nel giro di breve tempo.

prurito da stress psicologicoIl prurito da stress è la dimostrazione che non sono solo gli occhi a essere lo specchio dell’anima, ma anche la pelle riflette le sensazioni e le emozioni provate. Tale disturbo si caratterizza per la manifestazione di un prurito alquanto fastidioso che, nella maggior parte dei casi, non si riesce a mandare via: un prurito che non può essere ricondotto a una causa fisiologica ben precisa, proprio perché a farlo scaturire è lo stress. Che si tratti di stress proveniente dal posto di lavoro, da dinamiche familiari non soddisfacenti, da una lite con il proprio partner, da difficoltà economiche o da qualsiasi altra fonte, poco cambia: la connessione tra il corpo e la psiche fa sì che questa malattia psicosomatica vada a colpire la pelle.

Il prurito da stress, dunque, è un malessere fisico che, in realtà, è originato da un malessere psicologico, per questa ragione si può trovare giovamento da una psicoterapia o dal training autogeno (per approfondimenti consulta questo sito che si occupa di psicoterapia e training autogeno)

Per ora i ricercatori non sono ancora riusciti a capire in modo definitivo qual è il meccanismo alla base di questo fenomeno, anche se è probabile che un disagio emotivo favorisca l’attivazione delle cellule immunitarie della cute, così che si verifichi un processo infiammatorio. Alcuni studiosi, però, ritengono che lo stress provochi la produzione di sostanze che fanno in modo che le fibre nervose della pelle risultino più sensibili: ed è a quel punto che si scatena la sensazione di prurito.

Ecco, allora, che il prurito da stress è a tutti gli effetti un campanello di allarme da prendere in considerazione con la massima attenzione, poiché si configura come il segnale di un malessere psicologico: e non è un caso che a essere colpite, in genere, siano quelle persone che tendono a negare le proprie emozioni o comunque presentano delle difficoltà nell’esprimere a parole i propri sentimenti. La mente, dunque, non riesce a esternare, ma ci pensa il corpo a farlo: in un modo che, però, danneggia la pelle.
Tocca a un dermatologo eseguire la diagnosi per il prurito da stress, anche se non è difficile riconoscere la manifestazione di questo disturbo: esso compare in corrispondenza di un periodo piuttosto complesso dal punto di vista emotivo e senza altre cause fisiologiche in gioco. In assenza di reazioni autoimmunitarie, di infezioni virali o di infezioni batteriche, la causa del prurito non può che essere ricondotta allo stress.

Prurito da stress: come si manifesta
5 (100%) 1 vote
SP

Add your Biographical Info and they will appear here.