Sindrome dell’abbandono: sintomi e cause di una paura da curare in terapia

Le cause della sindrome di abbandono in genere derivano da una perdita subita durante l’infanzia, come la perdita dovuta alla morte di un genitore o ad un divorzio. Ma possono anche derivare da cure fisiche ed emotive inadeguate. Queste esperienze durante la prima infanzia possono portare ad una paura di essere abbandonato dalle persone più vicine durante la vita adulta.

Un certo grado di paura dell’abbandono può essere una parte normale dell’essere umano, ma quando la paura dell’abbandono è grave, frequente e difficile da evitare, può causare delle ripercussioni anche gravi, in particolare per quanto riguarda lo sviluppo di relazioni sane. Quando questo è il caso, è raccomandato il supporto di un terapeuta.

Le preoccupazioni psicologiche legate all’abbandono

terapia paura abbandono

L’abbandono è come un'”ombra” della personalità da affrontare.

Uno sviluppo sano richiede un’adeguata cura fisica ed emotiva, poichè bisogni insoddisfatti possono portare a sentimenti di abbandono.

A volte le esperienze di abbandono possono costituire un evento traumatico nella vita di una persona. La morte di un genitore può essere un evento traumatico per un bambino, come può l’incapacità di sentirsi al sicuro a causa di circostanze minacciose come l’abuso fisico o sessuale o la mancanza di un rifugio adeguato.

Un modello di abbandono emotivo può essere traumatico e può anche qualificarsi come una forma di abbandono. Un abbandono emotivo può verificarsi quando i bambini sono allevati da genitori che soffocano l’espressione emotiva dei loro figli, o li mettono in ridicolo, o tendono ad imporre loro norme irragionevolmente rigide oppure confidano troppo pesantemente sui loro bambini per il loro senso di valore, tendendo a trattarli spesso come adulti.

Gli adulti che non hanno vissuto l’abbandono da bambini possono comunque essere messi alla prova da sentimenti associati all’abbandono se perdono un partner intimo causa separazione, divorzio o decesso. Se un atto di abbandono si verifica o durante l’infanzia o in età adulta, l’impatto può essere debilitante, influenzando negativamente ogni relazione sviluppata nella vita di una persona, se tali rapporti sono intimi, sociali o professionali.

Le preoccupazioni psicologiche legate all’ abbandono

Una persona che ha sperimentato l’abbandono con più probabilità avrà problemi psicologici a lungo termine. Queste preoccupazioni sono in genere basate principalmente sul timore che l’abbandono si ripresenterà. Un bambino che è stato fisicamente abbandonato da un genitore o dal proprio caregiver può lottare con sbalzi di umore o di rabbia per tutta la vita, e questi comportamenti possono alienare i potenziali partner intimi e amici. Quando un bambino non riceve adeguato sostegno emotivo da parte di un genitore, spesso a causa di problemi psicologici dei genitori, il bambino non può sviluppare una sana autostima.

Curare la sindrome di abbandono: il ruolo del terapeuta

I timori di abbandono possono compromettere la capacità di una persona di fidarsi degli altri, sentirsi degno, o sperimentare l’intimità. Questi possono portare una persona a sperimentare ansia, depressione, codipendenza, o altre difficoltà. Una persona che manca di autostima a seguito di un abbandono subito durante l’infanzia può gravitare intorno a partner e amici che rafforzano quelle credenze negative.

I sentimenti di abbandono in terapia

Molte persone intraprendono la terapia, al fine di affrontare i problemi derivanti da esperienze di abbandono. Nel processo di affrontare gli attuali problemi psicologici di una persona, la terapia può rivelare che la fonte del problema è un trauma associato all’abbandono subito durante l’infanzia.

Un terapeuta può spesso aiutare una persona ad imparare a separare i timori del passato dalla realtà del presente. Può essere possibile per gli individui conseguire una trasformazione cognitiva attraverso questo processo e quindi sviluppare reazioni più positive e aspettative realistiche per le loro vite. Quando gli individui sono in grado di riconoscere le loro paure radicate nel passato, spesso possono cominciare a sviluppare la capacità di ridurre al minimo il modo in cui la paura controlla le loro risposte emotive alle relazioni e agli eventi in corso e così ottenere la guarigione dalle esperienze passate.

Metodi di affrontare e superare i problemi di abbandono possono includere:

  • Esplorare modi per prendersi cura di sé
  • Sviluppare la capacità di accedere ad un “centro” sicuro e tranquillo quando i timori minacciano il proprio senso di sicurezza
  • Imparare a comunicare con successo le esigenze nelle relazioni intime

 

Tipi di terapia come la desensibilizzazione e rielaborazione attraverso i movimenti oculari (EMDR) o la terapia cognitiva comportamentale, possono affrontare i problemi di abbandono. La psicoterapia per l’abbandono spesso si concentra su come aiutare ad indirizzare la persona e aiutano a formare una sorta di auto-compassione per le parti di sé aggrappate ai ricordi e alle sensazioni associate con il trauma dell’abbandono. Questa forma di auto-esplorazione potrebbe includere distinguere il bambino vulnerabile ed indifeso del passato dal’adulto forte e più capace. Seguire un trattamento con un terapeuta attento ed empatico spesso può aiutare a lenire i timori di abbandono di una persona.

I problemi di abbandono possono essere schiaccianti, ma gli individui che sfidano queste paure possono spesso imparare a gestirle in modi sano e produttivo.

 

Sindrome dell’abbandono: sintomi e cause di una paura da curare in terapia
4.7 (93.33%) 3 votes
Nopsychit

Add your Biographical Info and they will appear here.