La disregolazione emotiva

La disregolazione emotiva indica l’incapacità da parte dell’individuo di saper riconoscere e regolare le proprie emozioni aumentandole o diminuendole, sia che esse siano positive o negative. Solitamente chi ne soffre gestisce le emozioni nei comportamenti e nelle relazioni in modo disadattivo, questo a causa di fattori biologici e da invalidazioni subite che porta a instabilità relazionale, discontintinuità dell’umore e della propria immagine.

Caratteristiche sono gli improvvisi cambiamenti di umore, cos'è la diregolazione emotivacomportamenti impulsivi, dipendenze affettive, traumi relazionali e in alcune circostanze difficoltà a regolare in modo consapevole i propri pensieri. La diregolazione emotiva implica una non buona comprensione e accettazione delle emozioni, nonchè incapacità di controllare quelle negative e quindi di agire secondo i propri obiettivi, non essendoci capacità di regolarle in maniera adatta al contesto. Alcuni soggetti hanno anche difficoltà, oltre ad esprimere emozioni, anche a riconoscerle negli altri, nonchè incapacità di distinguere i propri stati mentali da quelli altrui, oltre ad una spiccata tendenza ad agire in modo impulsivo

Il ruolo della disregolazione emotiva nei bambini

Bambini cresciuti in un ambiente di sviluppo conflittuale e instabile e che giudica in modo negativo l’espressione dei sentimenti, fa sì ad esempio che il bambino capisca che per ricevere dall’ambiente le risposte opportune per regolare il suo stato, egli debba esprimere le proprie emozioni in maniera molto intensa, esasperandole e quindi peggiorando la propria tendenza a gestire le emozioni in maniera corretta.

La disregolazione emotiva è associata spesso al disturbo borderline di personalità, il quale è legato alla regolazione delle emozioni e alla sfera delle relazioni. Le caratteristiche di personalità che formano questo disturbo sono a volte molto evidenti sin dall’inizio dell’età adulta, in particolare nel rapporto con la rabbia, presente spesso nel disturbo borderline come nell’antisociale e nel narcisistico.

A causa della sofferenza provocata dai sintomi e dai comportamenti messi in atto nella loro gestione, le persone che soffrono di DBP realizzano con molta difficoltà i propri progetti, anche quando estrememente dotati di forti capacità personali e sociali. Chi soffre di questi disturbi talvolta può ricorrere all’autolesionismo o anche al suicidio come soluzioni estreme per uscire da questi stati emotivi così pesanti.

Non essendo in grado di controllare il proprio vissuti emotivo, non è stata sviluppata la capacità di accettare se stessi e quindi le proprie esperienze emotive, sia quelle più banali che quelle più speciali. Il non avere una reale consapevolezza del proprio stato emotivo non permette di identificare in modo corretto ed essere partecipi in modo empatico alle emozioni delle altre persone, e spesso queste difficoltà possono concretizzarsi  nel ricorso a comportamenti  impulsivi e distruttivi, come uso di alcool e droghe, abuso di farmaci o promiscuità sessuale. Nella disregolazione emotiva è difficile se non addirittura impossibile gestire le proprie emozioni, per cui questi comportamenti sono a volte purtroppo inevitabili.

Redazione

Add your Biographical Info and they will appear here.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *