Studio australiano afferma che lavorare troppo incide negativamente sulla salute

Tutti conosco l’adagio secondo cui il lavoro nobilita l’uomo, ma tale affermazione risulterebbe non troppo veritiera nel momento in cui si dovesse cominciare a lavorare troppo, visto che un numero elevato di ore di lavoro andrebbe ad incidere negativamente sulla salute. Questo è il risultato di una delle tante ricerche scientifiche che hanno come oggetto la salute e i fattori che possono minarla.

Non si dovrebbe lavorare più di 39 ore a settimana

Uno studio concepito, condotto e portato a termine da alcuni ricercatori australiani e i cui esiti, con relativi commenti, sono stati pubblicati sulla importante rivista Social Science & Medicine, ha messo in luce come chi lavora più di un lasso di tempo uguale a trentanove ore settimanali si ritrova con il tempo a dover fare i conti con problemi di salute sia a livello fisico che mentale.

La ricerca, che è stata condotta da alcuni ricercatori di stanza alla Australian National University, è arrivata a valutare quale sia il massimo numero di ore settimanali che si dovrebbe dedicare al lavoro: tutto questo è stato fatto attraverso una ricerca che ha analizzato i rapporti tra l’attività lavorativa, la retribuzione e le attività quotidiane di circa ottomila persone in età lavorativa e con una occupazione.

Quali sono i risultati a cui è arrivato il team australiano di ricerca?

I ricercatori sono arrivati a stabilire che per tutelare quella che è la propria salute è necessario non superare un monte ore lavorativo, a livello settimanale, di trentanove ore, il tutto senza considerare il sabato e la domenica. nuoce alla salute

Gli studiosi hanno fatto presente che tale limite è sensibilmente più basso di quello che venne stabilito a livello internazionali ormai cento anni fa per quanto riguarda il lavoro nelle industrie, limite di 48 ore settimanali.

Lo studio ha anche messo in luce come si dovrebbe lavorare non più di 39 ore a settimana considerando che al di fuori della sfera lavorativa le persone devono dedicarsi anche ad attività che pur non essendo conteggiabili in quella lavorativa sono comunque non di svago, come ad esempio le faccende domestiche.

Quali sono le conseguenze di troppe ore di lavoro sulla salute?

Huong Dinh, che è stato il primo firmatario dello studio condotto dai ricercatori australiani, nel commentare i risultati dello stesso, ha messo in luce che lavorare troppo finisce con il mettere a repentaglio la salute delle persone.

Questo accade perchè si comincia a dedicare meno tempo alla cura del proprio benessere, ad esempio non prestando la dovuta attenzione a mantenere una alimentazione sana ed equilibrata. Lo studio ha anche messo in luce che circa il 75% degli australiani lavora anche più di 40 ore nell’arco della settimana e che questo incide non solo sulla salute, ma anche sul livello qualitativo del lavoro.

Un altro dato su cui i ricercatori hanno focalizzato la propria attenzione è quello relativo al diverso tenore delle conseguenze del troppo lavoro su uomini e donne: queste ultime si ritrovano più spesso a dover fare i conti con problemi di salute legati al fatto di trascorrere troppo tempo al lavoro.

Questa differenza è dovuta al fatto che le lavoratrici nella maggior parte dei casi devono, una volta uscite dal lavoro, dedicarsi a tutte quelle che sono le faccende domestiche.

Fonte: http://tg24.sky.it/tg24/salute-e-benessere/home.html

Redazione

Add your Biographical Info and they will appear here.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *